recessione gengivale

La recessione gengivale è un problema che porta il tessuto gengivale a consumarsi e ritrarsi. Vediamo le cause e i rimedi.

Recessione Gengivale

La recessione gengivale porta ad esporre il dente a causa del ritiro della gengiva. Una conseguenza di questo problema è la formazione di tasche tra dente e gengiva che facilita l’accumulo di di batteri. Il tessuto e la struttura ossea dei denti possono essere gravemente danneggiati e se non curata può portare alla perdita dei denti.

La recessione gengivale è un problema comune. Molte persone che ne soffrono non ne sono a conoscenza in quanto si verifica gradualmente. Disturbi associati che possono indicare la presenza di questo problema, sono l’ipersensibilità dentale, la parodontite e l’infiammazione delle gengive.

Questo problema non deve essere sottovalutato. Se noti un abbassamento delle gengive, è consigliabile fissare un appuntamento con il proprio dentista. Il giusto trattamento eviterà ulteriori danni.

Cause legate alla salute dei denti

Esistono diversi fattori che causano causare la recessione gengivale. Le malattie parodontali sono la principale causa. Si tratta di infezioni batteriche delle gengive che distruggono i tessuti. L’osso in questo modo perde il suo sostegno e la sua capacità di mantenere i denti nella loro posizione.

La salute della bocca in generale è importante e per questo una scarsa cura della propria bocca può portare a questo problema. Lavarsi i denti, usare il filo interdentale e utilizzare il collutorio fa parte di una buona igiene orale. Se questa viene meno può formarsi della placca sui denti che può poi trasformarsi in tartaro che può portare alla recessione gengivale. Non bisogna però esagerare. Una spazzolatura eccessiva dei denti può danneggiare lo smalto dei denti e causare il ritiro delle gengive.

Anche il bruxismo può essere una causa della recessione gengivale per la pressione che si esercita sui denti. Nello stesso modo anche avere i denti storti può portare a imprimere più forza in alcuni punti permettendo alle gengive di ritirarsi.

Altre cause della recessione gengivale

Altre cause possono essere:

– Il fumo. I fumatori hanno più possibilità di incorrere in questo problema, a causa della formazione di placca sui denti.
– Avere piercing su labbra o lingua può irritare i tessuti fino al punto di scatenare la recessione gengivale.
Cambiamenti ormonali. In alcune donne certe fasi della vita come la pubertà, la gravidanza e l menopausa possono rendere le gengive più sensibili e più vulnerabili alla recessione gengivale.

Alcune persone potrebbero comunque essere geneticamente portate ad avere questo problema. Studi dimostrano che il 30% della popolazione può essere predisposto a malattie gengivali anche avendo una perfetta cura dei propri denti.

Quali sono i trattamenti per la recessione gengivale?

Quando la recessione gengivale è lieve può essere trattata dal dentista con una pulizia profonda dei denti. Durante questa pulizia verranno rimossi la placca ed il tartaro accumulati sotto le gengive. Gli antibiotici possono essere consigliati per eliminare eventuali tracce di batteri rimanenti. Se la recessione è grave e presenta tasche troppo profonde e una perdita considerevole di tessuto osseo non è sufficiente una pulizia. In questo caso è necessario un intervento chirurgico per riparare i danni.

Che tipo di chirurgia si effettua sulle gengive?

Esistono diverse procedure utilizzate per trattare la recessione gengivale. Una di queste è l’innesto di tessuto molle. Quello più comune è l’innesto di tessuto connettivo. Durante questa procedura viene rimosso del tessuto connettivo dal palato per essere ricucito sulla gengiva. Questo processo ha lo scopo di coprire la radice esposta del dente. È possibile anche utilizzare del tessuto gengivale per questa operazione.

Un’operazione più drastica è la rigenerazione. Questa ha lo scopo di rigenerare osso e tessuti che sono stati danneggiati dalla recessione gengivale. Dopo aver rimosso i batteri dalle tasche gengivali, verrà applicato un materiale rigenerativo. Una membrana o un tessuto di innesto che stimola i tessuti a rigenerarsi naturalmente. Dopo questa operazione la gengiva verrà fissata sopra la radice del dente. Sarà il dentista a determinare quale sia a procedura migliore per risolvere il problema in base alle esigenze del singolo paziente.

Prevenzione

Il metodo migliore per avere una bocca sana è mantenere una buona igiene orale. Lavarsi i denti regolarmente e utilizzare il filo interdentale è fondamentale per mantenere le gengive in buono stato. È consigliabile andare dal dentista almeno una volta all’anno per controllare la salute di denti e gengive.

Se soffri già di recessione gengivale dovrai andare dal dentista più spesso. Usa sempre lo spazzolino a setole morbide e chiedi al to dentista di mostrarti il modo migliore di lavarti i denti. Se la dentatura storta è la causa della recessione gengivale, parla con il tuo dentista per risolvere il problema.

Ovviamente altri modi per evitare che le gengive i ritirino è eliminare cattive abitudini con il fumo o una dieta squilibrata. Monitora i cambiamenti della tua dentatura per essere sicuro che tutto vada bene.

Contattaci per fissare una prima visita per a Milano e valutare la soluzione più adatta in base alle tue esigenze!