malattie dei denti

Conoscere le malattie dei denti e le loro cause più comuni può fare molto per la prevenzione.

Malattie dei denti

La maggior parte delle malattie dei denti possono essere facilmente prevenute. Lavare i denti due volte al giorno, utilizzare il filo interdentale e mangiare correttamente fanno parte di una buona igiene orale.

Alitosi

L’alitosi, o alito cattivo, può essere un problema decisamente imbarazzante. Circa l’85% delle persone che soffrono di questo disturbo ha una malattia dei denti alla base. Alcuni di questi possono essere malattie gengivali, carie, cancro orale, secchezza delle fauci o batteri della lingua.

L’uso del collutorio per l’alitosi aiuta a nascondere il sintomo senza curare la causa alla base di questo disturbo. La soluzione migliore è recarsi dal dentista per un controllo e determinare il problema per poterlo risolvere.

Malattie dei denti, la carie dentaria

La carie dentaria è una malattia dei tessuti duri del dente. Si verifica quando la placca, una sostanza appiccicosa che si forma sui denti, si combina con zuccheri e/o amidi. Questa combinazione produce degli acidi che attaccano lo smalto dei denti.

Le carie non vengono solo ai bambini, ma possono svilupparsi a qualsiasi età. Invecchiando lo smalto di denti si erode, rendendo più facile l’insorgenza di carie. Anche la secchezza delle fauci dovuta all’età e alcuni medicinali possono aggravare questo problema.

Il modo migliori di combattere questa malattia dei denti è avere una buona igiene orale quotidiana e prevenire il decadimento dei denti evitando un consumo eccessivo di zuccheri.

Il dentista può anche consigliare ulteriori accorgimenti e trattamenti.

Malattia gengivale (parodontale)

La malattia gengivale o parodontale, è un’infezione delle gengive ed è una delle principali cause di perdita dei denti negli adulti.

Questa infezioni può manifestarsi a qualsiasi età, ma comunemente si verifica dopo i 30 anni. Uno dei fattori di rischio più significativi è il fumo, ma contribuiscono anche il diabete e la secchezza delle fauci.

I sintomi includono alitosi, gengive arrossate, gonfie o sanguinanti, denti sensibili e masticazione dolorosa.
Questa malattia si divide in due fasi: la gengivite e la parodontite. Mentre la prima fase è un’infezione della sola gengiva, nella seconda l’infezione arriva in profondità nei tessuti e può portare ad ulteriori patologie arrivando anche alla perdita dei denti.

Controlli regolari e una buona igiene orale sono fondamentali per prevenire le malattie gengivali e ulteriori complicazioni.

Cancro orale

Il cancro orale è una malattia che colpisce milioni di persone e può essere mortale. Questa malattia è spesso curabile se diagnosticata in tempo. La fascia di età più a rischio è quella dopo i 40 anni.

I maggiori fattori di rischio sono il fumo e l’alcol, ma anche il papillomavirus (HVP) aumenta il rischio di contrarre questa malattia.

I sintomi principali includono piaghe, noduli e aree ruvide in bocca, oltre a possibili problemi di masticazione e di mobilità di lingua e mascella.

In presenza di uno o più di questi sintomi è consigliato un controllo dal proprio dentista.

Afte della bocca

Esistono diversi tipi di piaghe della bocca. Nella maggior parte dei casi non durano più di due settimane e svaniscono senza bisogno di particolari accortezze.

Le piaghe più comuni sono le afte, piccole lesini della cute all’interno della bocca. Non si tratta di una malattia contagiosa e possono avere diverse cause.

Se durano più di due settimane è consigliato un controllo dal dentista.

Malattie dei denti, l’erosione dentale

L’erosione dentale è una perdita della struttura del dente causata da acidi che attaccano lo smalto. È una malattia dei denti molto comune, ma anche facile da prevenire.

I sintomi variano dalla sensibilità dentale a problemi più gravi come incrinature, piccole fessure sulla superficie dentale.

Sensibilità dentale

La sensibilità dentale è un problema comune dovuta all’assottigliamento di smalto e dentina. Questo disturbo dei denti si manifesta con dolore e fastidio quando si mangiano dolci, ma anche a contatto con aria fredda, bevande calde, bevande fredde o gelati. In alcuni casi anche lavare i denti e usare il filo interdentale può causare fastidio.

I denti sensibili possono anche essere sintomo di un dente rotto o un ascesso. Per determinare la causa della sensibilità dentale basta un controllo dal dentista.

GUARDA I NOSTRI CASI CLINICI >>

Contattaci per fissare una prima visita e valutare la soluzione più adatta in base alle tue esigenze!