Differenza tra smacchiamento e sbiancamento

Qual è la differenza tra smacchiamento e sbiancamento dentale? È sottile e spesso ci si confonde, andiamo a vedere nel dettaglio. Cannizzo Milano

Differenza tra smacchiamento e sbiancamento

Molte persone non conoscono bene la differenza tra smacchiamento e s sbiancamento dentale. Ma spesso ci si guarda allo specchio e si pensa a quale sia la soluzione migliore per rimuovere quelle piccole o grandi imperfezioni che ci ritroviamo sui nostri denti.
Ad esempio, durante una conversazione che sia con amici o parenti, potrebbe capitare a chiunque di parlare dei propri denti. Capita anche di mostrarli e chiedere che ne pensano gli altri, che tu sia orgoglioso o preoccupato.

Tuttavia, molto spesso lo fai per ricevere dei consigli o degli approfondimenti su di essi. In seguito è proprio quello che leggerai.
Inizieremo a capire cosa sia lo sbiancamento dentale e lo smacchiamento. Ottenendo dei suggerimenti in proposito.

Questo perché avere un sorriso più bianco e luminoso e come arrivarci è un argomento che interessa sempre, no?

Non importa la nostra età, in qualsiasi momento della nostra vita vorremmo avere sempre dei denti molto luminosi!

Inoltre la maggior parte delle persone è veramente preoccupata per le macchie o lo scolorimento sui loro denti anteriori. Niente paura, c’è un rimedio a tutto, o quasi a tutto!

Cos’è lo smacchiamento?

Iniziamo dicendo che lo smacchiamento dei denti è l’eliminazione delle macchie esterne del dente.

Per questa tecnica si usano metodi meccanici perché le macchie sono esterne. Si utilizzerà per esempio la pomice o il bicarbonato.

Inoltre, anche il dentista può utilizzare questi metodi ad esempio quando durante la seduta di igiene dentale usa uno strumento ultrasonico. Lo si utilizza alla fine della seduta di igiene orale approfondita. Esso vibra e elimina il tartaro e alcune macchie.

Questo metodo è molto efficace per rimuovere le macchie senza alcun dubbio, però è giusto mettere in preventivo anche gli aspetti negativi:

  • Si rimuovono solo le macchie in superficie;
  • Si rimuovono piccole discolorazioni e ci si impiega relativamente tanto tempo;
  • Se usato in malo modo può causare abrasione allo smalto.

 Se si vuole invece cambiare il colore dei denti, a differenza dello smacchiamento, esiste lo sbiancamento e i metodi meccanici non sono sufficienti ma si devono usare i perossidi.

Cos’è lo sbiancamento?

La principale differenza tra smacchiamento e sbiancamento è che lo smacchiamento serve solo per la rimozione delle macchie e lo sbiancamento dentale è un trattamento di bellezza finalizzato a rimuovere le macchie dai denti e per far riacquisire lucentezza allo smalto.

Il fatto di avere dei denti sempre bianchi e sani, non è solo per un fattore estetico, ma anche salutare.

Però è molto importante specificare che questa soluzione non è definitiva. Infatti, per mantenere il risultato ottenuto è necessario ripeterla periodicamente.

Inoltre, lo sbiancamento dentale si può fare anche da casa. Si andranno ad applicare delle strisce sbiancanti. Esistono però dei casi più gravi, dove si dovrà ricorrere alle cosiddette faccette dentali.

Inoltre, è importante anche sapere che lo sbiancamento è totalmente diverso dalla pulizia dei denti.
Questo perché sono due cure differenti. Ovvero?
Lo sbiancamento ha lo scopo di rendere i denti più bianchi. La pulizia dentale, ha il compito di rimuove la placca batterica e il tartaro.

Differenza tra smacchiamento e sbiancamento: quando si eseguono

Ora che abbiamo capito la differenza principale delle due funzioni, andiamo a vedere quando vanno utilizzate.

Lo smacchiamento, viene chiamato anche lucidatura. Essa si esegue quando il dente è più scuro, accade perché le macchie si sono depositate all’esterno del dente.

In genere, quando eseguita dal dentista (ovvero la soluzione migliore), si esegue alla fine della seduta di igiene orale professionale.

Si utilizzano polveri apposite oppure gommini e spazzolini in associazione a paste specifiche. Non cambierà il colore del tuo dente, eliminerà solo la macchia facendolo partire da zero.

A differenza, invece lo sbiancamento si fa per modificare, quindi rendere più bianco, il dente.

Con lo sbiancamento professionale, si andrà ad agire a livello dello smalto. Quindi non solo toccherà la parete esterna dentale eliminando le macchie, ma coinvolge tutto lo spessore dello smalto.
È presente un solo principio attivo in grado di dare risultati perfetti, il perossido di idrogeno. Invece in casi in cui c’è bisogno di più tempo di posa per dei casi più importanti si userà il perossido di carbamide.

Inoltre, spesso ci si può porre la domanda “lo sbiancamento rovina i denti?” La risposta è no.
Con uno sbiancamento dentale eseguito in modo professionale è garantito che lo smalto rimanga intatto e che i denti non subiscano danni. L’unico problema che potrebbe causare è rendere il dente leggermente più sensibile.

Differenza tra smacchiamento e sbiancamento: in conclusione

Non esiste un unico modo per rendere i nostri denti bianchi e splendenti. Inoltre, i diversi modi per rendere i nostri denti più bianchi e luminosi abbinata alla terapia di scelta dipenderà da ciò che stiamo cercando di ottenere. E ovviamente andrà anche in base al nostro dente, quanto è scolorito o macchiato.

Tra l’altro la gente spesso si confonde tra sbiancamento e smacchiamento dentale. Potremmo servirvi un esempio, il più comune sono i pazienti che chiedono in uno studio dentistico lo sbiancamento quando in realtà vorrebbero solamente rimuovere delle macchie. Quando non sono realmente interessate a procedure di sbiancamento dei denti.

Contattaci per fissare una prima visita e valutare la tipologia di intervento più adatto alle tue esigenze!